Dall'antropologia culturale all'avanguardia teatrale

   L'avvio alle ricerche di antropologia culturale nel territorio aurunco nacque da una serie di discussioni tra coloro che dovevano formare il "Gruppo Ricerca 75", nell'estate del '75. C'era l'esigenza di analizzare con gli strumenti delle scienze umane alcuni aspetti del folklore carnevalesco della zona sessana; più precisamente il corpus di ludi teatrali e/o celebrativi chiamati "pazzie", in via di estinzione e/o trasformazione. L'affascinante complessità del Carnevale, analizzata e studiata nel suo strutturarsi nel sociale con tutte le implicazioni derivanti, trova la sua collocazione editoriale nella pubblicazione del testo "L'ILLUSIONE E LA MASCHERA" (1977). Il lavoro di ricerca fu accolto con notevole interesse, sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori. Ma il successo editoriale non era il fine a cui miravano i componenti del "Gruppo Ricerca 75", che ritennero esaurita la prima fase del loro lavoro e sentirono l'esigenza di operare ad un livello che fosse più penetrante nel tessuto sociale della zona. Si pensò così di dare vita ad un'aggregazione di teatro popolare: il "CIUCCIO E FUOCO ENSEMBLE", un nome che, mentre da una parte si rifaceva ad una tipica "pazzia" aurunca, dall'altra richiamava Brecht. Questo gruppo teatrale, quindi, riprese il corpus di ludi e di farse emerse dalla ricerca antropologica e costruì spettacoli che non riproponevano sic et simpliciter le farse e i ludi carnevaleschi, ma, collegandoli alla realtà attuale, li presentavano in modo critico e dialettico. Si sviluppò, così, per circa tre anni, un'attività itinerante di teatro popolare su tutto il territorio aurunco e nel resto della Campania e non solo. Successivamente, sulla scorta dell'esperienza di "campo", si andava delineando una propria originale tematica che vedeva il teatro popolare come non estraneo alla ricerca teatrale d'avanguardia. La messa in scena, da una parte, di lavori teatrali di autori classici moderni europei e dell'avanguardia degli anni '70 e, dall'altra, di "forme" di rappresentazioni legate alla sceneggiata, al teatro di strada e alla Commedia dell'Arte, rappresenta ancora oggi il solco nel quale si muove la nostra ricerca teatrale. Negli ultimi anni, ha modificato il proprio nome con quello di "L'ILLUSIONE E LA MASCHERA ENSEMBLE", divenendo infine "TEATRO AURUNKATELIER" (Gruppo Ricerca '75), e ha realizzato collaborazioni con Enti Pubblici e privati diversificando la propria attività su tre piani: laboratori teatrali, teatro didattico, produzioni periodiche. Attualmente  centro di riferimento culturale di grande rilievo nell'intera zona Aurunca.